Tag Archive : droga

Nel centro storico approvvigionamenti settimanali di cocaina a cui si affiancava,ma solo come attività collaterale, lo smercio di hashish. La Procura per i cinque protagonisti dell’inchiesta dell’Antimafia, denominata “Deejay 2014”, culminata nel giugno 2016 con l’emissione di dieci misure cautelari. Ieri, all’epilogo del processo di primo grado a carico degli imputati che hanno scelto di essere giudicati con il rito ordinario, c’è stata la requisitoria del pubblico ministero Rocco Alfano che, dopo aver ricostruito l’organigramma del gruppo, ha chiesto 9 anni per Luca Avallone, 47 anni, gestore di diverse attività di ristorazione nel centro storico della città, tra cui il ristorante “La Lampara”in via Antica Corte; 8 anni per Matteo Vitale, 44 anni, accusato di gestire con Avallone il giro di droga e ritenuto dalla Procura il “motore” del gruppo criminale; 5 anni per Nunzio Bottiglieri, 44 anni che li riforniva da Torre Annunziata; 3 anni e 3 mesi per Antonio Quaranta, 37 anni di San Mango Piemonte e 3 anni per Mariano Capparella, 50 anni, originario di Pollena Trocchia ma residente a Mercatello. L’udienza è stata quindi aggiornata alla primavera prossima quando, dopo le arringhe difensive (nel collegio gli avvocati Bianca De Concilio, Lucia Miranda, Vincenzo Faiella e Luigi Gargiulo)Si avvia quindi all’epilogo il procedimento giudiziario figlio della maxi inchiesta della Distrettuale antimafia che fotografò una grossa attività di spaccio organizzata dall’ottobre del 2014 e documentata dagli inquirenti fino al febbraio 2015, data in cui si conclusero le intercettazioni.

La polizia ha rinvenuto e sequestrato due involucri contenenti 12 dosi con 21,40 grammi di cocaina

Stamattina gli agenti del commissariato Decumani hanno effettuato un controllo nei pressi di uno stabile di via Trinchese.

Lì sul posto i poliziotti, in uno dei montanti di un’impalcatura, hanno rinvenuto due involucri contenenti 12 dosi con 21,40 grammi di cocaina che sono stati sequestrati.

All’alba di oggi , i militari della Compagnia Carabinieri del capoluogo hanno dato esecuzione alle misure cautelari personali della custodia cautelare in carcere e degli arresti domiciliari disposte dal GIP nei confronti di due soggetti, un 53enne e un 35enne, raggiunti rispettivamente da gravi indizi di colpevolezza in ordine ai reati di illecita detenzione e cessione di sostanze stupefacenti e  ricettazione. L’attività di indagine trae origine da una perquisizione domiciliare svolta presso l’abitazione di uno dei due indagati, dove sono stati rinvenuti cocaina, marijuana e tre bilancini di precisione. Nel corso dell’attività sono stati anche acquisiti gravi indizi contro il 35enne per ricettazione di tre calici in ottone e due pissidi a forma di ciotola, rubati dalla Chiesa San Giuseppe Moscati di Benevento nel mese di novembre 2021, nonché di diverso materiale di cantiere ed attrezzature portati via da un cantiere edile lo scorso 5 gennaio 2022. il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento ha condiviso il compendio probatorio emerso in fase di indagine e, accogliendo la richiesta avanzata dalla Procura, ha applicato la custodia cautelare in carcere al primo e gli arresti domiciliari al secondo degli indagati, ravvisando il pericolo di reiterazione dei reati della medesima specie.

A tradire l’uomo i suoi movimenti con l’auto

Martedì pomeriggio gli agenti della Squadra Mobile, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, nel transitare in via Salvatore Quasimodo a Marano di Napoli, hanno notato un uomo a bordo di un’auto entrare in un cancello per poi introdursi in un’abitazione ed uscire dopo pochi minuti.

I poliziotti lo hanno raggiunto e controllato trovandolo in possesso di un involucro contenente circa 58 grammi di eroina, di 255 euro, di uno smartphone e della chiave di un appartamento a lui in uso ubicato nello stabile da cui era uscito.

Gli operatori hanno controllato l’abitazione ed hanno rinvenuto 11 kg di eroina suddivisi  in diversi involucri, 4 bilancini di precisione e diverso materiale per il confezionamento ed il taglio della  droga. E.G. , 39enne albanese con precedenti di polizia, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.