Tag Archive : minacce

La denuncia è diventata subito virale sui social

Alcuni componenti della Futsal Quarto sarebbero stati aggrediti durante la trasferta di ieri a Casavatore. L’episodio è stato riportato sulla pagina social della squadra dove è stato pubblicato un lungo post. Stando alla denuncia, l’allenatore dell’under 19 sarebbe stato anche colpito con il calcio di una pistola. Di seguito il post della Futsal Quarto.

“In data odierna si è disputata la gara tra Trilem Casavatore e Futsal Quarto, valida per il campionato regionale Under 19, e finita col risultato di 5-2 per i padroni di casa. Il presente comunicato non vuole in alcun modo essere un alibi per quanto avvenuto in campo poiché, al di là del risultato – che non ha nessuna importanza – vogliamo segnalare episodi avvenuti dopo la gara: in particolare, aggressioni ai nostri calcettisti e a nostri tesserati da persone presenti sul campo.

Degno di menzione è l’episodio che ha visto una persona adulta aggredire il nostro calcettista Mario Troiano, che era a bordo campo, a cui sono state sottratte le stampelle ed è stato percosso con le stesse nel punto dove ha riportato, recentemente, una frattura al piede.

Poco dopo, lo stesso aggressore di Troiano è tornato spalleggiato da almeno tre o quattro persone, di cui uno ha colpito al capo, con il calcio di una pistola, l’allenatore della nostra Under 19 Marco Sbriglia. Ci teniamo a sottolineare che Marco Sbriglia ha rimediato un trauma cranico, ma senza particolari conseguenze. Il nostro allenatore ha provveduto a sporgere denuncia per il fatto accaduto. Dopodiché, questi personaggi sono andati via e hanno lasciato nel panico l’intero palazzetto di Casavatore, calcettisti e tesserati della Trilem Casavatore inclusi, nonché genitori e persone vicine a entrambe le società.

Auspichiamo che la responsabilità di quanto avvenuto venga accertata quanto prima dalle forze dell’ordine, al fine di identificare gli aggressori e prendere i giusti provvedimenti. Ringraziamo per la solidarietà la società Trilem Casavatore. I carabinieri sono intervenuti in campo e i nostri calcettisti sono stati condotti in caserma, dove hanno riferito alle forze dell’ordine su quanto accaduto.

Successivamente, i vigili ci hanno scortati fino alla tangenziale per guadagnare in sicurezza l’uscita dal comune di Casavatore. Condanniamo fermamente quanto accaduto, che nulla ha a che vedere col risultato della gara, né tanto meno può accadere in un torneo sportivo, specialmente un campionato Regionale Under 19, dove si esibiscono dei giovani ragazzi, spesso minorenni. Come società ci impegneremo al massimo nella collaborazione con le forze dell’ordine affinché chi ha perpetrato violenza oggi, in un luogo di sport, venga riconosciuto e sottoposto alla resa delle proprie azioni dinanzi alla Legge.

Al di là della sconfitta che è maturata sul campo, in quanto ASD Futsal Quarto, noi ci sentiamo responsabili dell’incolumità dei nostri tesserati e valuteremo il da farsi per il prosieguo della nostra attività a livello giovanile, poiché il nostro interesse primario è garantire ai ragazzi di andarsi a divertire sui campi in massima sicurezza, al di là di ogni risultato sportivo”.

E’ stato poi immobilizzato a letto per evitare che potesse chiedere aiuto

Raid contro don Raffaele Del Duca, sacerdote della parrocchia di Sant’Antonio a Brancaccio a Torre del Greco. Questa mattina due malviventi si sono introdotti in sagrestia e hanno minacciato il parroco con un coltello. 

La vittima è stata costretta a consegnare circa mille euro, presenti in canonica. I rapinatori hanno poi immobilizzato il prete. Alcuni fedeli, vedendo, che non si era presentato alla messa, hanno lanciato l’allarme.

Sul caso indagano i poliziotti.

“Grave episodio criminoso”

“Gravissimo l’episodio che ha visto vittima don Raffaele del Duca, parroco della chiesa di Sant’Antonio a Brancaccio, di Torre del Greco. Confidiamo nel lavoro di forze dell’ordine ed inquirenti affinché i responsabili dell’azione, ancora più infame perché consumata ai danni di uomo di chiesa e in sagrestia, vengano immediatamente assicurati alla giustizia, e paghino pesantemente per quanto commesso. A don Raffaele la nostra totale solidarietà e vicinanza per quanto subìto”. Lo afferma Severino Nappi, capogruppo della Lega nel Consiglio regionale della Campania.

In manette un 26enne che continuava a minacciare la sorella per soldi

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vicaria-Mercato, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti per la segnalazione di una lite familiare.
I poliziotti, giunti sul posto, sono stati avvicinati da una donna la quale ha raccontato che il fratello si era recato presso la sua abitazione per estorcerle del denaro, come già accaduto in precedenti occasioni, ed aveva danneggiato la porta d’ingresso tentando di entrare ma, non riuscendovi, aveva asportato delle scarpe per poi allontanarsi; inoltre, ha raccontato che la notte precedente il fratello le aveva chiesto dei soldi e, di fronte al suo rifiuto, l’aveva minacciata per poi colpirla con un pugno.

Poco più tardi, l’uomo si è ripresentato presso l’appartamento minacciando la sorella ma quest’ultima ha nuovamente contattato la Polizia e gli agenti, subito intervenuti, hanno rintracciato e bloccato  l’uomo poco distante dall’abitazione. Un 26enne napoletano con precedenti di polizia è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia.