Incentivi auto per GPL e metano, cosa c’è da sapere

Come previsto dal DPCM pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 25 maggio, gli incentivi auto 2024 prevedono bonus economici anche per chi vuole installare impianti di alimentazione GPL o metano sul proprio veicolo. Denominato “bonus-retrofit” partirà il 19 giugno alle ore 10.00, momento a partire dal quale sarà possibile accreditarsi attraverso l’area rivenditori, successivamente – ancora non si sa con esattezza quando – sarà resa nota la data di avvio per prenotare i contributi.In attesa quindi di conoscere il giorno esatto in cui verranno aperte le prenotazioni, capiamo come fare a beneficiare degli incentivi auto 2024 per passare all’alimentazione GPL o metano.La prima grande differenza rispetto agli incentivi auto 2024 per l’acquisto di un’auto per passare al GPL o metano non è necessaria la rottamazione di un vecchio veicolo e non viene preso in considerazione l’Isee. L’ecobonus retrofit conta su un fondo 9.992.463,21 euro e prevede i seguenti sconti:

  • 800 per il passaggio al metano
  • 400 euro per il passaggio al GPL

Per usufruirne bisogna essere in possesso di un veicolo categoria M1 con classe di emissioni non inferiore a Euro 4 e – naturalmente – che non sia già alimentato a GPL o metano. Lo sconto infatti vale unicamente per la prima installazione e non per la sostituzione di vecchi sistemi. Come per gli incentivi 2024 anche l’ecobonus retrofit non richiede particolari azioni da parte degli automobilisti. Basterà rivolgersi a un installatore che abbia prenotato il bonus, così da ottenere direttamente lo sconto in fattura, con data successiva al 25 maggio 2024. Sarà poi chi ha eseguito i lavori a richiedere il rimborso tramite il portale dedicato.Convertire la propria auto a GPL e metano è facile e non richiede molto tempo, qualche giorno è sufficiente per installare il nuovo impianto di alimentazione. Esistono aziende specializzate con numerose officine sparse per l’Italia. Il costo dell’installazione di un impianto di alimentazione GPL o metano varia a seconda del modello di auto. Di norma quelli a metano hanno un costo maggiore (ecco perché gli incentivi prevedono una cifra più alta) in quanto i serbatoi utilizzati lavorano a 200 bar contro i 15 del GPL, richiedendo maggiori standard di sicurezza e costi più elevati.


Pubblicato

in

,

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *