Calcio: Gattuso, domani turnover limitato, solo 3-4 cambi.

‘Faremo così per tutte le partite di Europa League’

– NAPOLI, 21 OTT – ”Domani scenderanno in campo tre o quattro giocatori che non sono stati presenti con l’Atalanta.
    Credo che una scelta giusta sia quella di un turnover limitato”. Rino Gattuso anticipa la filosofia delle scelte che farà domani nel mtch contro gli olandesi dell’AZ Alkmaar.
    ”Una volta al Milan – racconta il tecnico – ne cambiai nove o dieci ed è una cosa da non ripetere. Credo che anche nel futuro in Europa League non faremo tantissimi cambi. Il nostro obiettivo è sempre mandare in campo la migliore squadra possibile”.
    ”Speriamo – conclude Gattuso che l’epidemia da Covid ce lo consenta. Abbiamo due ragazzi fuori da 21 giorni e sono ancora positivi. Quando torneranno dovranno lavorare per ritrovare la condizione fisica. Perciò dobbiamo guardare partita dopo partita cercando ogni volta di mettere in campo la migliore formazione possibile”. 

Boss del clan di Acerra ucciso, presi i due killer.

Trovate l’arma e l’auto del delitto, erano rubate.

NAPOLI, 22 OTT – Sono ritenuti i killer di Pasquale Tortora, boss dell’omonimo clan di Acerra (Napoli), le due persone arrestate dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna che oggi hanno notificato l’ordinanza di custodia cautelare del Gip di Napoli, su richiesta della DDA, a un 29enne e un 34enne accusati di omicidio volontario, porto e detenzione illegale di arma da fuoco e ricettazione, reati aggravati da modalità e finalità mafiose.
    Tortora era stato ucciso con una pistola di grosso calibro ad Acerra (Napoli), lo scorso 20 maggio. Alle indagini ha preso parte anche il Ris di Roma. Determinanti per l’identificazione dei killer sono state le immagini della videosorveglianza e il flusso dei contatti telefonici, analizzato con un software specificamente progettato. L’arma usata, una pistola di grosso calibro rubata diversi anni fa nel Salernitano, è stata recuperata insieme alla vettura con la quale il commando si è spostato, anche questa rubata, a fine 2019, in un paese nella zona di Napoli. Il 29enne era già stato arrestato, lo scorso 21 giugno per il possesso di un’arma rubata.

Allenatore AZ, giorni duri, ma il peggio è passato

Slot, siamo pronti per il Napoli, Uefa decide se si gioca o no’.

– NAPOLI, 21 OTT – ”Sono stati giorni difficili. Per fortuna i negativi stanno bene e adesso anche i positivi. Ne abbiamo parlato con l’Uefa e con la società. Per quello che so, è l’Uefa che decide se giocare o no. E so anche che se ci sono almeno 13 giocatori si gioca”. Il tecnico dell’AZ 67 di Alkmaar, Arne Slot, sintetizza in conferenza stampa lo stato d’animo suo e della squadra alla vigilia della partita di Europa League con il Napoli.
    ”Ci sono sempre più contagi nel mondo – dice il tecnico – ma dobbiamo vivere e lavorare rispettando i protocolli. All’interno della società siamo molto attenti al protocollo. C’e’ stato un focolaio e, credetemi, non è facile evitare tutto questo. Non siamo stati leggeri col protocollo. Noi sappiamo che abbiamo fatto tutto il possibile per evitare il focolaio”. ”Non pensavo ci fossero tanti positivi nella mia squadra – aggiunge -, ma possiamo mettere comunque una squadra forte in campo.   L’atmosfera alla vigilia è stata un po’ strana. Abbiamo fatto delle riunioni per preparare questa gara ma non troppe per evitare contagi. Il nostro medico sta facendo un ottimo lavoro, sembra strano che ci siano stati così tanti positivi”.
    La partita contro il Napoli non sarà facile, e questo l’allenatore degli olandesi lo sa bene. ”Guardo sempre attentamente il Napoli – spiega – hanno un attacco fantastico.
    Non solo Osimhen, ma anche Insigne e Lozano”. 

Ventiduenne suicida nel carcere di Benevento

“Ancora ignoto il corto circuito che porta a queste tragedie”

NAPOLI, 21 OTT – Un detenuto napoletano di appena 22 anni, si è impiccato la scorsa notte nel carcere di Benevento.
    Lo rendono noto Samuele Ciambriello, garante campano delle persone private della libertà, e Pietro Ioia, garante napoletano.
    Dall’inizio dell’anno è nono suicidio in Campania, il 47esimo, in Italia.
    “Non conosciamo il corto circuito che porta a queste tragedie”, sottolineano Ciambriello e Ioia. “La maggioranza di loro – spiegano – sono giovani ed in carcere per piccoli reati. Il carcere è stato rimosso, è diventato una discarica sociale, che ospita detenzione sociale. Salvatore, napoletano, proveniva da Brindisi e da sabato era nel carcere di Benevento, nella giornata di ieri, alle 15:00, aveva sentito al telefono la sua compagna. Era arrivato a Benevento per una udienza ed era in cella con un’altra persona. Domani ci sarà l’autopsia. Vite, come si vede, per lo più giovani, finite, per disperazione, senso di impotenza o chissà cos’altro, nei pochi metri quadrati di una cella,insieme ad un altro recluso. Chiediamo che si faccia chiarezza su questa morte”, commentano Ciambriello e Ioia che poi concludono lanciando un appello: “Abbiamo bisogno di più figure sociali nelle carceri, di più trattamento, di più lavoro.
    Il Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria,può custodire ed accudire, ma non c’è rieducazione e reinserimento sociale senza azioni positive del territorio e degli Enti locali. E il volto costituzionale della pena necessità di magistrati di sorveglianza più efficaci e coraggiosi.” 

Campania: curva contagio verticale, difficile ok a scuole.

Ipotesi su primarie in valutazione, in forte dubbio da lunedì

NAPOLI, 21 OTT – La riapertura delle scuole primarie in Campania per lunedì 26 ottobre non è certa, anzi è a forte rischio. Lo apprende l’ANSA da fonti della Regione Campania.
    Nella lunga riunione di ieri pomeriggio nell’Unità di Crisi, infatti, sono state presentate delle curve di contagio che si stanno verticalizzando nell’aumento nella popolazione da 0 a 18 anni. Un aumento ingente dall’apertura delle scuole che fa presagire una ulteriore diffusione del virus nelle settimane a venire nella popolazione scolastica.
    Dalla Regione emerge una volontà politica di riaprire le scuole, almeno la primaria, ma anche la valutazione del rischio sanitario e della salute della popolazione come primo obiettivo.
    Nei prossimi giorni ci saranno delle ulteriori valutazioni sulle proiezioni di contagio e verrà presa una decisione ufficiale.

Lite tra donne, marito spara, arrestato

Arrestato dai Carabinieri per tentato omicidio 42 enne.

 NAPOLI, 21 OTT – Una lite tra tre donne sul corso principale di Torre Annunziata (Napoli) è degenerata per l’ intervento del marito di una di esse, che ha sparato contro una 53 enne, senza riuscire a colpirla.
    E’ accaduto poco dopo le 11 al corso Vittorio Emanuele, dove tra donne, divise da antichi dissapori hanno cominciato a litigare per motivi di viabilità. A difesa di una delle tre è sopraggiunto il marito, Raffaele Maresca, di 42 anni, già denunciato in passato, che ha esploso un colpo di pistola all’ indirizzo di una donna di 53 anni, senza colpirla.
    La donna si è salvata gettandosi a terra e proteggendosi dietro delle auto. Sul posto sono accorsi i carabinieri della Compagnia di Torre Annunziata, che hanno ascoltato la 53 enne ed hanno visionato le immagini delle telecamere della zona.
    Un bossolo di proiettile, che si era conficcato in un muro è stato recuperato dai militari .
    Maresca è stato bloccato ed arrestato per tentativo di omicidio.

Scoperta maxi evasione fiscale, preso “emiro” del Vesuvio.

Sequestro GdF da 10 milioni euro: anche collezione auto di lusso.

NAPOLI, 22 OTT – I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli, coordinati dalla Procura della Repubblica di Nola, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di un importante imprenditore di San Giorgio a Cremano (Napoli) operante nel settore della commercializzazione di prodotti energetici, ritenuto responsabile di una maxi evasione dell’I.V.A.
    Le Fiamme Gialle stanno procedendo al sequestro finalizzato alla confisca di beni del valore di circa 10 milioni di euro, tra i quali figura anche una collezione di auto di lusso.

Covid: in Campania balzo in avanti dei positivi, sono 1.760.

11 i morti tra il 17 e il 20 ottobre ma registrati ieri.

NAPOLI, 21 OTT – Forte balzo in avanti dei contagi in Campania. Nelle ultime 24 ore sono stati 1.760 rispetto ai 1.312 di ieri. I tamponi effettuati sono stati 13.878 contro i precedenti 10.205. I morti sono 11, deceduti tra il 17 ed il 20 ottobre ma registrati nella giornata di ieri. Sul totale dei 1.760 positivi, 99 sono sintomatici e 1.661 asintomatici. Il totale dei positivi in Campania dall’inizio dell’emergenza è ora di 30.484 mentre i tamponi effettuati sono stati 802.965.
    Con gli 11 deceduti registrati si sale a un totale di 545. I guariti del giorno sono 106, per un totale di 8.838. Per quanto riguarda il report dei posti letto di terapia intensiva ne sono occupati 85 su 227 mentre per quanto riguarda quelli di degenza 996 su 1.100.

Giornalisti: morto a Napoli Carlo Franco

Verna e Lucarelli, perdiamo pezzo storia del giornalismo campano

NAPOLI, 20 OTT – “Carlo Franco ci ha lasciato e con lui perdiamo un pezzo di storia del giornalismo campano”. Lo sottolineano, in una nota, Carlo Verna e Ottavio Lucarelli, rispettivamente presidenti dell’Ordine nazionale e regionale dei giornalisti.
    Ottantadue anni, giornalista da quando ne aveva 27, Carlo Franco ha lavorato per il Mattino, la Rai, la Repubblica, il Corriere del Mezzogiorno (sua ultima testata) e tanti altri giornali, senza sosta, incessantemente, mostrando un grande entusiasmo per la professione. Per alcuni anni è stato anche capo ufficio stampa del Banco di Napoli. Appassionato di sport e cronaca, politica e inchieste, era tuttora impegnato con editoriali e articoli di fondo per il Corriere del Mezzogiorno.
    Nato a Napoli il 9 luglio 1938, ha sempre vissuto in città, ma spesso soggiornava in vacanza in Costiera, a Massa Lubrense.
    “Carlo Franco, che è scomparso oggi, ha raccontato Napoli, le sue bellezze, le sue ferite.
    Ha narrato in modo mirabile decenni di cronaca, di politica, di sport E’ stato un grande giornalista e la città lo ricorda – mio tramite – con grande affetto. Alla sua famiglia, al mondo del giornalismo e dello sport giunga il nostro cordoglio”. Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.  “È morto Carlo Franco, cronista di razza per anni al Mattino dove è stato anche capo delle redazioni della Cronaca, della Cultura, dello Sport, delle Pagine speciali e del ‘Mattino Illustrato'” afferma, in una nota, il Sugc, Sindacato unitario giornalisti della Campania.
    “Suo il pezzo sulla celebre prima pagina del Mattino che titolava ‘Fate Presto’, all’indomani del terremoto in Campania.
    Prima pagina – prosegue il sindacato – che fu trasformata in un’opera d’arte da Andy Warhol e inserita da Lucio Amelio nella collezione Terrae motus, ora ospitata nella Reggia di Caserta.
    Carlo ha lavorato per la Rai per il Corriere del Mezzogiorno, fin dalla sua nascita nel 1997, con la Repubblica. Ha spaziato in tutti i settori, dalla cronaca pura allo sport, altra sua grande passione. Ha amato il giornalismo profondamente, metteva sempre tanta energia in quello che faceva, energia che riusciva a trasmettere a chi lo circondava”.

Accoltellato per prestito non pagato, un arresto dei Cc

20 enne ridotto in gravi condizioni a Pianura da un coetaneo

 NAPOLI, 20 OTT – Aveva accettato di prestare la propria carta Postepay in cambio di 50 euro ad un conoscente , ma quest’ ultimo ha rifiutato di pagare e lo ha accoltellato, ferendolo gravemente.
    E’ accaduto il’ 12 ottobre a Pianura, quartiere della periferia occidentale di Napoli. I carabinieri del nucleo operativo, agli ordini del maggiore Federico Lori, al termine delle indagini hanno arrestato un 20 enne, MIchele Ortone, già denunciato in passato per truffa e per associazione per delinquere di stampo camorristico, che deve rispondere adesso di tentato omicidio e rapina.
    Il ferito, Salvatore Spagnuolo, anche lui di 20 anni, ridotto in gravi condizioni ed ora fuori pericolo ha fornito ai militari indicazioni precise.’ Ortone è stato trasferito nel carcere di Poggioreale.