Tag Archive : fisco

Nelle intenzioni dell’esecutivo che ha varato la manovra la pace fiscale costituisce l’occasione offerta ai contribuenti per sistemare le partite in essere con il fisco in vista di una riforma dell’intero sistema tributario italiano. Il perimetro della pace fiscale spazia dalle attività di accertamento e liquidazione dei tributi, alle liti fiscali in corso presso la giustizia tributaria per finire con la rottamazione dei ruoli e delle cartelle esattoriali. Per ogni fase del procedimento tributario la legge di bilancio 2023 ha previsto misure agevolate di definizione.Rispetto ad altre edizioni di definizioni agevolate quella contenuta nella legge n.197 del 2022, si caratterizza dunque per l’ampiezza del suo raggio di azione e per l’ampia possibilità offerta anche a contribuenti decaduti da precedenti misure agevolative, di rientrare in gioco.

Per chiudere le liti con il fisco serve denaro fresco. Per aderire alle varie definizioni agevolate delle controversie tributarie previste dalla legge di bilancio 2023 non è infatti possibile utilizzare in compensazione, ex articolo 17 del dlgs n.241/1997, eventuali crediti fiscali posseduti dal contribuente. Si tratta infatti di misure con le quali la manovra di bilancio intende recuperare gettito alle casse dello Stato per cui, per chiudere validamente la lite con il fisco, è espressamente esclusa la possibilità di ricorrere all’istituto della compensazione. La possibilità di utilizzare crediti fiscali in compensazione non è invece sempre espressamente esclusa per altre misure che costituiscono la c.d. pace fiscale tra le quali, ad esempio, la c.d. sanatoria delle irregolarità formali prevista dal comma 166 dell’articolo 1 della legge n.197 del 2022.